Approdi

Dopo Gentedamare, I ritmi del mare e i Viaggi di Ulisse,  l’associazione culturale Divulgarti inaugura, ancora una volta al Museo Galata, la mostra Approdi, curata da Loredana Trestin.

Espongono 26 artisti, eterogenei per formazione, tecnica e provenienza geografica, cimentandosi in un tema che è stato scelto per le diverse interpretazioni che può avere. “Trovandoci al Museo del mare –spiega la curatrice- l’approdo può essere inteso sia dal punto di vista marinaresco, come luogo d’arrivo e riferimento per le navi, sia dal punto di vista spirituale, come l’approdo che ognuno di noi cerca nella vita, un rifugio in cui sentirsi tranquilli e poter tirare metaforicamente i remi in barca.” Senza dimenticare che il Galata ha anche una sezione dedicata all’emigrazione, quindi a chi, italiano e straniero, è partito e parte lasciando la propria patria nella speranza di trovare un migliore “approdo”, come purtroppo le cronache quotidiane recenti raccontano e come alcuni artisti in mostra rappresentano.

I partecipanti, quindi, hanno fatto proprio, in base alla personale sensibilità, un tema che è stato rappresentato ora in modo più tradizionale, attraverso marine realizzate a olio e tecnica mista in cui si passa dal realismo al puro concettualismo, ora in modo più innovativo, attraverso il digitale sia fotografico (Borio Franco, Carafi, Mascagni, Pica) che pittorico (Buca); inoltre non mancano le sculture (Borio Paolo, Gilardoni, Fiorini, Landro, Polato), che dell’approdo danno un’interpretazione fortemente astratta, geometrica e metafisica.

Gli artisti: Bertelli Fiorenza, Biagini Yuri, Bianchini Andrea, Borio Franco, Borio Paolo, Buca (Carlo Busetti), Carafi Isabel, Esposito Matteo, Felisa Ezio, Anna Maria Ferrari, Ferro Elena, Gilardoni Daniela, Giussani Maura, Guglielmino Ornella, Landro Vilma, Macaluso Elisa, Mascagni Mattia, Nesi Stefania, Pica Giorgio, Polato Liala, Portunato Alessandro, Ramero Pietro, Sandrelli Francesco, Santi Roberto, Sasia Fiorenzo, Tasca Mario.

L’inaugurazione è il 5 settembre 2015 a partire dalle ore 15,30.

Al termine il trenino turistico Pippetto condurrà gli ospiti presso la Trattoria Pizzeria

Emma (Piazza Del Serriglio 12) per un vernissage a sorpresa.

Vincenzo offrirà i piatti tipici della tradizione ligure.