RI-FORME ARTISTICHE

Organizzazione e direzione artistica Loredana Trestin
Comunicazione con Medea Garrone
dal 31 maggio al 14 giugno 2014
Inaugurazione: 31 maggio  ore 17.00
in collaborazione con Barbara Cadei
Grafica Anna Maria Ferrari
Infinite forme prendono vita nella mostra collettiva alla GALLERIA 20
Corso Casale 85 (10132) Torino

L’Arte offre davvero un’infinità di spunti per inventare e reinventare infinite volte. Corsi e ricorsi, che avvengono grazie all’associazione Divulgarti di Loredana Trestin, con la mostra collettiva Ri-Forme Artistiche, a cui partecipano 24 autori, tra pittori, scultori e fotografi, diversi per provenienza, tecnica e stile, ma accomunati dalla capacità di creare e ri-formare. Attraverso la loro reinterpretazione soggettiva prendono nuova vita i temi e le correnti  della storia della produzione artistica più universalmente noti.

Sono presenti artisti legati alla tradizione antica per l’utilizzo di tecniche quali quella a olio, a tempera e a pastello, a cui si uniscono soggetti da sempre presenti nell’iconografia di ogni epoca. Ne sono un esempio le opere  di Laura Longhitano Ruffilli e L’attesa di Mariella Capomolla. Delicatissimi i pastelli della Longhitano Ruffilli, che sembrano appartenere a un romanticismo contemporaneo, dato dall’eterna valenza dei soggetti e dalla decisa delicatezza delle tinte; l’olio su tela della Capomolla, invece, non può che richiamare nel titolo e nell’atteggiamento della moderna ragazza in abito rosso, le tante dame di settecentesca memoria fiamminga in attesa. Anche Maria Pia Sapenza si lega fortemente al tema amoroso attraverso soggetti dalle linee sinuose, avvolgenti, che si uniscono e mescolano indissolubilmente, come amanti, grazie ai colori che sfumano uno nell’altro.

Patrizia Magnanticolpisce per l’utilizzo che fa del colore al fine di riprodurre, con sorprendente verosimiglianza luoghi e personaggi colti nell’attimo di vita quotidiana, mentre Matteo Ferrari, all’opposto, spicca per il soggetto surreale e quasi fumettistico, realizzato con colori forti e contrastanti, dalle pennellate decise e compatte.

Tecniche tradizionali, ma soggetti astratti e multicolore, invece, per Fratiello e Ratti,  accomunati da una gioco di forme e colori che richiamano la corrente cubista e futurista.  Tenui i colori di Marco Fratiello, che giocando con il rosa, il verde e l’azzurro realizza un soggetto in cui figura umana e animale si legano e fondono con naturalezza onirica. Luigi Ratti gioca con le trasparenze, facendo emergere dai colori pastello delle geometrie che si intersecano, una sensuale sagoma femminile. Molto più astratto, invece, è Nicola Archidiacono, che giocando con forme e colori accesi richiama fantasiosamente le linee e i contrasti di Mirò, ma anche i volumi del Cubismo di Picasso. I soggetti di arcaica memoria di  Federico Tamburri, invece,sembrano immagini oniriche costituite da simboli e richiami a un certo surrealismo dai volumi ora compatti ora scomposti.

Pittori assolutamente astratti, con peculiarità molto differenti, sonoFerrari, Cartasegna e Ferrero. Anna Maria Ferrari con il suo acrilico su tela rappresenta in modo tanto concettuale un soggetto altrettanto concreto, come indica il titolo: Siamo certi di essere esistenza. Materiale e immateriale si uniscono, quasi a compenetrarsi come i colori da lei utilizzati, che si incontrano in infinite pennellate di sfumature. Quella di Roberto Cartasegna appare, invece, come un’Action Painting per così dire primitiva, con un tocco naïf dettato da quell’emergere di volto primordiale, delineato da tocchi infantili, al centro di Ineluttabilità.Anche Daniela Ferrero usa l’acrilico, ma per soggetti molto diversi, come in Sospensione 1, in cui un grande Occhio ci osserva e l’unico linguaggio possibile è quello delle formule matematiche: siamo ormai assoggettati alla cibernetica.

Il lavoro di Mariella Lavarino è un dipinto, eppure la sua sembra scultura liquida: Da sempre innamorati ha la consistenza della materia solida, grazie alle pennellate di colore che sembrano dare la consistenza del marmo alle due sculture dipinte che si guardano in eterno.

Appartengono invece alla tecnica del collage le opere di Scaglione e Faggi. Antonella Scaglione realizza un ritratto di Marylin Monroe attraverso l’uso esclusivo dei ritagli di carta. Tante strisce colorate, foto, dettagli anatomici, personaggi noti e animali che messi insieme in modo caleidoscopico formano il celebre ritratto della diva sorridente. Di protesta, invece, appare il digitale con collage Bacino della consapevolezza di Marco Faggi, in cui spiccano tra fogli di giornale e scritte senza senso i volti emaciati e deformati dei bambini africani. La tecnica mista, che in genere nasce dal riciclo, è usata da Maurizio Melis Roman: la materia grezza e naturale, usurata, sgualcita a rappresentare, attraverso l’uovo cucito, l’anima e le tante ferite inflitte dalla vita.

Originale e diversa dalle altre è l’opera di Giovanna Maffei: fiori veri su tela conservati sotto resina: un monocromo naturalistico in stile Manzoni e dal forte impatto visivo.

Usano l’arte digitale, coniugata in modo differente, Buca, Saraccoe Parisi. Buca (Carlo Busetti) realizza opere astratte in stile Digital Paint, utilizzando unicamente l’iPad e stampando su lastre di policarbonato i soggetti astratti di ispirazione cubista e onirica. Victor Saracco, invece, fotografa soggetti naturalisti che vengono elaborati in modo digitale e realizzati su supporto tradizionale come la tela, lasciando intatti i colori accesi. Mentre Paolo Lorenzo Parisi con Sono tra noi sembra raccontare una storia di diversità tra l’apparente indistinta uguaglianza di massa.

Sono tre gli scultori in mostra: Vavuso,  De Michele, Pettinato. Su natura e su cultura di Vincenzo Vavuso sembra rappresentare la brutalità della cieca ignoranza dell’uomo che calpesta il proprio ambiente e il proprio sapere: natura, tradizione e valori schiacciati e dati alle fiamme dalla violenta ottusità. Invece ben diverso è il messaggio dell’opera di Giuseppe De Michele, Incontri, in cui le due mezzelune sembrano delicatamente legate da un infinito abbraccio: un incrocio di linee dalla sinuosa eleganza che diventa un incontro di poetica memoria. Poetica è anche Burrasca, l’opera in ceramica di Francesca Pettinato: infinite volute che si intersecano e contrappongono a formare flutti variopinti, tra delicatezza e fantastico mistero.

Infine della designer Claudia Ciccotti i bellissimi calici, che sembrano diventare fluidi come il liquido di cui sono contenitori: le diverse materie quasi si fondono fino a trasformare il solido in liquido, richiamando Dalì e i suoi.

 

Medea Garrone

BANDO

Sono aperte le selezioni ufficiali per accedere  alla MOSTRA di ARTE CONTEMPORANEA  “RI-FORME ARTISTICHE”.
L’Associazione DIVULGARTI in collaborazione con IMMAGINECOLORE seleziona artisti per la MOSTRA di ARTE CONTEMPORANEA “RI-FORME ARTISTICHE” presso GALLERIA 20 a Torino.
L’arte è fatta di forme e ri-forme, di trasformazioni e di evoluzioni, di reinterpretazioni e di possibili composizioni e scomposizioni.
Ri-forma, quindi, è il prendere corpo dell’Arte stessa, in tutte le sue infinite varianti, è il ripetersi di linee, punti, figure che si creano e ri-creano.
Ri-forma è l’Arte che attraverso la tradizione viene ripresa, e rinnovata attraverso una ri-creazione originale e sempre nuova, come manifesto di un rinascere culturale.
Ri-forma è l’Arte che medita su se stessa interpretandosi, rifacendosi, rivoluzionandosi e reimpostando propri canoni.

Medea Garrone

Scadenza bando: 18 aprile 2014


Le selezioni saranno curate da Loredana Trestin, curatrice d’arte, in collaborazione con la dott.ssa Barbara Cadei, storico dell’arte. Il loro giudizio è insindacabile.
La mostra sarà allestita  presso la GALLERIA 20 a Torino e sarà curata da Loredana Trestin, in collaborazione con la dott.ssa Barbara Cadei, per quanto concerne la selezione delle opere, la direzione e l’organizzazione dell’evento. L’aspetto grafico sarà invece curato dall’art director Anna Ferrari. La mostra verrà pubblicizzata sulla Rivista d’Arte 20 (www.rivista20.com) da Medea Garrone, responsabile comunicazione e ufficio stampa per DIVULGARTI.
La manifestazione si svolgerà dal 31 maggio al 14 giugno con inaugurazione il giorno 31 alle ore 16:00.
Il contributo per la partecipazione è fissato in 120,00 euro per lo spazio di 1mt quadro, 220,00 euro per lo spazio di 2mt quadri, 300,00 euro per 3mt quadri.
Il pagamento sarà così diviso: 50% ad avvenuta selezione e il restante 50% all’invio delle  opere.
Agli artisti selezionati saranno richieste le opere originali che dovranno pervenire entro e non oltre il 28 maggio 2014 presso la GALLERIA 20, Corso Casale 85, 10132 – Torino – numero di telefono 0113724087.
Le richieste di partecipazione dovranno pervenire in forma completa entro il 18 aprile 2014 a: eventi@divulgarti.org (con in oggetto “MOSTRA D’ARTE RI-FORME ARTISTICHE”).
Per ulteriori informazioni o chiarimenti chiamare Loredana Trestin al numero 3316465774 o contattare Barbara Cadei 3391217717.

Come partecipare

Alle selezioni possono partecipare artisti di qualsiasi nazionalità e senza limiti di età -operanti in tutti i settori delle arti figurative (pittura, scultura, fotografia, disegno, arte digitale ecc.)- inviando da 1 a 5 immagini di opere con: nome dell’autore, titolo, tecnica, formato e anno di realizzazione.

Selezione

Verranno prescelti gli artisti che si saranno distinti per talento e originalità espressiva.  Soltanto le opere così selezionate parteciperanno alla MOSTRA di ARTE CONTEMPORANEA “RI-FORME ARTISTICHE”.

Modalità di pagamento

Bonifico a nome di Loredana Trestin Iban: IT48 P 36000 03200 0CA006774275
Seguirà regolare ricevuta.

Presentazione e restituzione delle opere

Agli artisti selezionati saranno richieste le opere originali che dovranno pervenire entro e non oltre il 28 maggio 2014 presso  la GALLERIA 20, Corso Casale 85, 10132 – Torino – numero di telefono 0113724087.
L’artista può scegliere di spedire a proprie spese le opere o consegnarle direttamente alla Galleria, aperta dal lunedì al sabato dalle ore 15.00 alle ore 19.00.
Dipinti, disegni, opere digitali e fotografie dovranno essere senza vetro, incorniciati con listello o semplice cornice e già provvisti d’attaccaglia/gancio.
Le opere inviate per corrispondenza saranno accettate solo con spese e rischi a carico del partecipante sia per la consegna sia per l’eventuale restituzione.
Le opere ammesse alla mostra potranno essere ritirate personalmente dall’artista, o  da un suo incaricato munito di delega scritta, a partire dal secondo giorno dalla data di chiusura dell’esposizione.
Gli artisti che faranno pervenire le loro opere tramite corriere espresso dovranno richiedere per iscritto la restituzione delle stesse, che verrà effettuata con corriere in porto assegnato.
Qualora venga richiesta la spedizione a cura degli organizzatori, l’imballo  delle opere dovrà essere adeguato e riutilizzabile per il ritorno.
Le opere non ritirate entro 30 giorni, a partire dal secondo giorno dalla data di chiusura dell’esposizione, saranno considerate lascito a DIVULGARTI.

Liberatoria

Gli organizzatori, pur avendo la massima cura delle opere ricevute, non si assumono alcuna responsabilità per eventuali danni –di trasporto o altro- durante il periodo della manifestazione, del magazzinaggio, dell’esposizione e della giacenza.

Organizzazione e staff tecnico

Organizzazione generale: Associazione Divulgarti.org
Curatrici: Loredana Trestin (curatrice d’arte) e Barbara Cadei (storico dell’arte)
Allestitori: Galleria 20
Art direction: Anna Ferrari
Testo introduttivo: Medea Garrone

SCHEDA DI PARTECIPAZIONE

MOSTRA DI ARTE CONTEMPORANEA RI-FORME ARTISTICHE

Anagrafica artista:

• Cognome e Nome:

• Nome con cui si desidera comparire per l’evento:

• luogo e data di nascita:

• Indirizzo:

• Città Prov. Stato:

• Tel./cell.:

• P.IVA /C.F.:

• Indirizzo e-mail/Sito web:

•    Premi conseguiti:

Biografia e Curriculum Vitae su documento Word da allegare alle immagini richieste in un’unica e-mail.

Note:

Servizio opzionale (facoltativo):

-chiede in aggiunta una recensione critica personale di max 10 righe (euro 50,00)
a cura della dott.ssa Medea Garrone -esperta in beni culturali, ha un Master in management culturale internazionale e uno in giornalismo; ha lavorato per il Museo Luxoro di Genova e scritto per riviste d’arte e architettura. Cura la rubrica d’arte del giornale online www.cittadigenova.com, scrive i testi dei cataloghi e le critiche per Divulgarti-.
-chiede un folder 3 ante con immagini e testi forniti, formato aperto 21×29,7, stampa digitale 100 copie (euro 400,00)
– chiede n. 100 biglietti da visita, formato 8,5 x 5,5, stampa digitale (euro 100,00)

•    Titolo opere di cui allego file foto in formato jpg (specificare anche Tecnica e Misure reali)

1.    .
2.    .
3.    .
4.    .
5.    .

Nel rispetto di quanto stabilito dalla legge 675/96 sulla tutela dei dati personali con l’invio di questo modulo tramite posta elettronica accetto che questi vengano usati per scopi utili, statistici e per la promozione artistica.
Dichiaro di aver preso visione del regolamento e di accettarlo incondizionatamente.

Data

Firma


Galleria 20 ,Torino
31 maggio-14 giugno

L’Associazione Divulgarti in collaborazione con Immaginecolore seleziona artisti per la Mostra collettiva d’Arte Contemporane Ri-forme artistiche presso GALLERIA 20 a Torino.

L’arte è fatta di forme e ri-forme, di trasformazioni e di evoluzioni, di reinterpretazioni e di possibili composizioni e scomposizioni. Gli artisti sono quindi chiamati a dare corpo all’arte in tutte le sue varianti e infinite possibilità. Si tratta di una rappresentazione e insieme di una riflessione sull’espressione artistica contemporanea: arte che rappresenta se stessa e che su se stessa riflette, ponendosi al centro di una scena culturale che oggi come non mai necessita di essere ri-formata. Ogni artista è chiamato a dare il proprio contributo intellettuale perché attraverso originalità e peculiarità individuali si rafforzi l’identità collettiva, di cui l’arte è massima espressione.

Le selezioni saranno curate da Loredana Trestin, curatrice d’arte, in collaborazione con la dott.ssa Barbara Cadei, storico dell’arte.
La mostra si svolgerà presso la Galleria 20 dal 31 maggio al 14 giugno.
Le richieste di partecipazione dovranno pervenire in forma completa entro il 18 aprile 2014 a: eventi@divulgarti.org (con in oggetto “MOSTRA D’ARTE RI-FORME ARTISTICHE”).
Per ulteriori informazioni o chiarimenti chiamare Loredana Trestin al numero 3316465774 o contattare Barbara Cadei 3391217717.

Alle selezioni possono partecipare artisti di qualsiasi nazionalità e senza limiti di età -operanti in tutti i settori delle arti figurative (pittura, scultura, fotografia, disegno, arte digitale ecc.)- inviando da 1 a 5 immagini di opere con: nome dell’autore, titolo, tecnica, formato e anno di realizzazione.

Scadenza bando: 18 aprile 2014