DA ARTURO MARTINI A EMILIO CUPOLO: Un sogno a mani aperte

Dal 5  al 19 marzo 2019
Inaugurazione: sabato 9 marzo ore 18.00
Sede espositiva: Divulgarti Eventi al Ducale – Genova Palazzo Ducale, Cortile Maggiore P.za Giacomo Matteotti, 9, 16123 Genova
Orario mostra dal martedi al sabato dalle 14.00 alle 18.00 (sabato su appuntamento)
Direzione artistica e curatela: Loredana Trestin
Assistente curatore: Maria Cristina Bianchi
Grafica e web: Anna Maria Ferrari

| DA ARTURO MARTINI A EMILIO CUPOLO |

Da Arturo Martini a Emilio Cupolo”

Aprire le mani per raccontare delle storie. Aprirle dal cuore nell’incidere dinamico di questa vita incapsulata nelle convenzioni della ragione. E farle uscire allo scoperto per dare tono a quel linguaggio mistico senza il velo della ritualità organizzata.

Emilio Cupolo – si riferisce ad una visione di vita che vuole far emergere ciò che realmente si cela in ognuno di noi, superando egoismi, timori, rancori e negatività. Imparando a dare spazio al perdono. Articolo pubblicato su “Dipende”

Alla domanda: “come aprire le mani chiuse? Cupolo argomenta – Perché non si deve avere paura di mostrare la liscia moneta che comunque potrebbe comprare così poco. Ogni volta che osi lasciarti andare e abbandonare uno dei tuoi tanti timori, la tua mano si apre e le palme si distendono nel gesto di ricevere. Devi essere paziente, molto paziente finchè le tue mani siano completamente aperte. “Simboli ancora che racchiudono messaggi di speranza.” Articolo pubblicato su “Dipende”

Per capire la vera essenza dei suoi progetti è necessario comprendere lo spirito del progettista che, con la sua sensibilità, interpreta l’interiorità delle persone e descrive in modo unico e suggestivo, parlandone come di una sua “creazione poetica”. Articolo pubblicato su “Dipende”

Passionale e mediatico nella forma e nei forti colori utilizzati, coglie l’emozione del mistero della nostra esistenza dipingendo la stretta relazione della maternità e paternità. Loredana Trestin

Emilio Cupolo dipinge un mondo profondato nei sentimenti, emozioni spirituali che traspaiono dai visi dei suoi personaggi e dai simboli da lui rappresentati. Loredana Trestin

Un realismo poetico di un linguaggio sociale e profondamente umano emerge nell’itinerario pittorico dell’artista. Loredana Trestin

Il reale viene trasfuso dai colori dell’anima, in un clima pacato dove l’immaginazione si perde nel segno. Loredana Trestin

Emilio Cupolo interpreta i messaggi racchiusi nella realtà attraverso un racconto in cui si equilibrano bellezza, valori spirituali e sentimenti intrisi di poetiche vibrazioni nelle forme e nei colori. Loredana Trestin

Sensazioni, sogni e riflessioni caratterizzano l’esperienza visiva, le sue trame disegnative sono essenzializzate mentre i colori si intridono di sentimenti, una visione interiorizzata, filtrata dalla fantasia. Loredana Trestin

È una selezione intensa. Raccoglie il lavoro pittorico di molte stagioni e si avverte quando il tuo pensiero si è modificato nella ricerca interiore e nella ossessione del colore che racchiude gioia e dolore. Difficile introdursi nel “Cupolo Pensiero” e pericoloso non conoscerlo bene avvicinarsi ad esso semplicemente con occhi puliti che ne osservano l’evoluzione naturale, un autentico genio adagiato ai piedi della vita che esso stesso dipinge avvolto dal suo grande mistero che ne è la vera e grande ricerca. Critico d’arte Giuliana Ghidini

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Etichettato ,