SINESTESIA – Il particolare che fa la differenza

Dal 9 al 23 settembre 2022
Vernissage 9 settembre ore 17.30
Sede espositiva: Divulgarti Eventi al Ducale – Genova Palazzo Ducale, Cortile Maggiore P.za Giacomo Matteotti, 9, 16123 Genova
Orario mostra dal dal lun al ven dalle 14.00 alle 18.00
Cura e direzione artistica: Loredana Trestin
Assistente curatore: Maria Cristina Bianchi
Responsabile organizzazione: Valentina Maggiolo
Segnalatori d’arte: Ludovica Dagna, Giulia Lanza, Anna Poddine
Art direction e web: Anna Maria Ferrari, Artemisiaonline.eu

| SINESTESIA INVITO MOSTRA | SINESTESIA – DEPLIANTSINESTESIA 50×70|

Partecipano gli artisti:
Ola Art, Dario Frascone, KANO., Carolina Pascari, Flavia Piccolo, MariaConsiglia Stile
 
L’esposizione si svolge nell’ambito del progetto “SPETTRO DELLE MIE BRAME – Arte e Autismo quando l’unione fa la forza”, da una idea di Loredana Trestin, Simonetta Lumachi, Andrea Carretti, Ivano Malcotti, con il coinvolgimento di Gruppo Città di Genova Onlus e Associazione Philos Accademia Pedagogica. Il 9 settembre dalle ore 14.30 si tratteranno argomenti legati allo Spettro dell’autismo e la sindrome di Asperger, affrontata tramite interventi da parte di addetti ai lavori, performer, musicisti, fotografi e artisti.

Per interpretare artisticamente la tematica di questa mostra d’arte dobbiamo capire cos’è la Sinestesia nella pittura. Il fenomeno sinestetico è inteso scientificamente come “percezione contemporanea propria di due o più sensi”. Questa capacità di percezione plurivoca è legata a una forte connessione delle sinapsi della corteccia cerebrale. Sembra che tale fenomeno sia sette volte più frequente tra artisti, letterati e poeti.

La sinestesia: vedere i suoni, assaporare le forme, annusare i colori. Esiste una profonda capacità sinestesica che caratterizza la pittura. Pur fondandosi sulla rappresentazione visiva, l’arte pittorica non sollecita soltanto la percezione ottica, ma è anche capace di intervenire su altri canali sensoriali. In questo modo l’arte figurativa opera con linee, forme, colori e figure, costruisce quindi delle rappresentazioni che si rivolgono tanto alla vista, quanto all’udito e al tatto. Per facilitare il compito ai nostri artisti voglio fare degli esempi pratici:

Percezione materica del colore. Il rosso che Raffaello utilizza per realizzare la veste di velluto che ricopre la mozzetta di Leone X nel celebre ritratto, non viene colto dal nostro sguardo solamente come un rosso, ma anche come un rosso velluto. In quel colore, e soprattutto nel modo con cui l’Urbinate lo stende, la nostra percezione visiva coglie non soltanto i dati meramente ottici o cromatici dell’oggetto, ma persino il materiale con cui è realizzato.

Dall’articolo della Dott.ssa Morena Salvati si evince che la sinestesia è un fenomeno percettivo che consiste nella sovrapposizione simultanea di più sensi. Accade cioè che la stimolazione di una modalità sensoriale (suoni, colori, odori) inneschi una percezione in uno o più sensi diversi (ad esempio la vista) in maniera automatica.

Loredana Trestin

SPETTRO DELLE MIE BRAME – Arte e Autismo quando l’unione fa la forza”

Da una idea di Loredana Trestin, Simonetta Lumachi, Andrea Carretti, Ivano Malcotti

Programma della manifestazione:

9 settembre 2022 ore 14,30 Inizio

Fotografie:  Fabio Casulli e Pietro Benelli e Fiabe illustrate: Ilaria Ginka Bonanni

Musica: 2 video clip sull’Autismo  Il volto di asperger
Shutdown/Meltdown  Almost 3

Musica dal vivo: Maestri Enrico Grillo e Gabriele Naretto

Film: “Gerda” con la partecipazione di Alessandro Haber

(Diretto da Daniele Ceccarini e Mario Molinari il cortometraggio di 14 minuti, racconta le difficoltà di inserimento nel lavoro di un fotografo autistico)

Presentazione Libro e intervista: “Ragazza Aspy” di Agnese  Spotorno 

Interviste finali agli artisti da parte di Simonetta Lumachi

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Etichettato , ,